Blog

Eau de Parfum Blu Donna, il mondo interiore profuma di mare

Eau de Parfum Blu Donna, il mondo interiore profuma di mare

Eau de Parfum Blu Donna, il mondo interiore profuma di mare

Una giovane donna che cerca di decifrare il Blu, sospesa tra il cielo e la profondità del mare: il fico, l’elicriso e il mandarino di Eau de Parfum Blu Donna descrivono la sua eleganza e intensità, la sua profonda sensualità, il suo desiderio di essere libera.

La libertà è la sua migliore amica fin dai tempi della scuola, quando le compagne di classe si omologavano e lei faceva di tutto per distinguersi: un basco alla francese, un pantalone a vita alta, una giacca dal taglio irregolare. Il suo stile è sempre stato originale così come le sue parole, il fascino con cui riesce a esprimersi. La personalità è il suo accessorio più carismatico, e l’indipendenza il suo stile. “Sei una sirena: ammaliante”, le dicevano le amiche, e lei arrossiva, lusingata. Oggi ama trascorrere lunghi momenti da sola, in spiaggia, guardando l'orizzonte. Adora nuotare, per ore. In quei momenti ripensa ai genitori, alle giornate al mare con loro da piccola.

L’abitacolo della macchina profumava di fichi e mandarini, quelli che la madre metteva in una cesta per merenda, e una volta arrivati all’ombrellone la fragranza del gelsomino – che occupava, rampicante, la parete dello stabilimento balneare - riempiva le narici come una magia. I suoi raccontavano favole, cantavano canzoni: l’arte di esprimersi e farsi ascoltare l’ha imparata da loro, e quei momenti di solitudine in acqua sono il suo modo di ricongiungersi con i ricordi di bambina. La donna che è oggi – disegnatrice di moda - è il frutto di quell'infanzia a contatto con la natura e quel mondo interiore la accompagna, è il suo luogo segreto. Azzurro, celeste, verde, marrone: i suoi capi si ispirano alla bellezza degli elementi e hanno un taglio originale ed elegante, pensato per chi ama distinguersi con sensualità.

Dentro di lei c'è il mare, la profondità di chi sa cosa vuole e cerca i propri istanti di relax e introspezione per il gusto di farsi un regalo. Mentre guarda la linea dell'orizzonte gioca con i legni di mare, ne afferra uno per sentirne l'odore, così simile al salmastro che le riempiva i capelli quando usciva dall'acqua dopo ore di giochi. “Hai fatto un bagno lunghissimo! Diventerai un pesce!”, le diceva la madre ridendo, e forse non scherzava del tutto. Quel blu aveva fatto di lei una sirena.


Ultimi post